Ripetizione in inglese Novakid Italia
Educazione dei bambini

Ripetere è importante. Quanto conta la ripetizione nello studio delle lingue

Di nuovo i pianeti? Quando chiedi a tua figlia cosa ha imparato nella lezione di Inglese Novakid e ti dice per la terza volta che ha parlato con l’insegnante dei pianeti o dei vestiti, potresti cominciare a chiederti perché insistiamo sullo stesso argomento per tanto tempo. E magari pensare che andiamo a ritmo troppo lento. È vero, dedichiamo più di una lezione a uno stesso argomento, ma lo facciamo perché la ripetizione è parte del nostro metodo. Perché è proprio grazie alla ripetizione in inglese che bambini e ragazzi imparano davvero a parlare una seconda lingua, acquistano fiducia in sé stessi, memorizzano e ritengono il nuovo vocabolario. 

La ripetizione è parte fondamentale del processo di apprendimento delle lingue, e viene utilizzata secondo approcci diversi: c’è la spaced repetition o ripetizione a intervalli, per esempio. O la frequent repetition. In questo articolo ti spieghiamo meglio perché ripetere vocaboli e strutture grammaticali è fondamentale per imparare l’inglese.

In che modo la ripetizione in inglese aiuta a imparare

Repetita iuvant, lo dicevano anche gli antichi: le cose ripetute sono d’aiuto. Questo vale anche per l’apprendimento delle lingue straniere.Quando impariamo una seconda lingua il nostro cervello cambia: le regioni del cervello coinvolte nell’apprendimento del linguaggio si modificano  e avvengono delle variazioni dei neuroni e delle connessioni sinaptiche necessarie per elaborare e memorizzare informazioni in una nuova lingua. Si formano nuovi percorsi neurali e numerosi studi hanno confermato che questi nuovi percorsi neurali si rafforzano quanto più un nuovo concetto viene ripetuto. Se, invece, quello che si è appreso non viene rinforzato con una ripetizione, i percorsi neurali si indeboliscono. 

Tra gli esercizi di ingelse per quando i nostri studenti ripetono le cose che hanno imparato, stanno rafforzando quelle modifiche neuronali che gli permetteranno di imparare e ricordare meglio parole e regole grammaticali. Non basta, quindi, incontrare la regola del comparativo in inglese una volta per impararla davvero. Dopo il primo incontro con una nuova parola o una nuova struttura grammaticale, per imparare davvero è necessario che il nuovo concetto sia ripetuto a intervalli nel tempo. 

Naturalmente non ci riferiamo a una ripetizione meccanica, che aiuta solo la memorizzazione a breve termine. Nessun insegnante Novakid chiederà ai suoi studenti di ripetere “a pappagallo”  la regola del comparativo in inglese o i nomi degli animali della savana. Non sono questi gli esercizi di inglese per bambini che utilizziamo. Invece, la ripetizione avverrà in modo divertente o sotto forma di giochi,  canzoni, lettura di storie, conversazione e naturalmente immagini. Si tratta, quindi, non di una ripetizione meccanica ma di una ripetizione elaborativa, che aiuta a conservare a lungo termine l’informazione e permette una memorizzazione più profonda.

In che modo la ripetizione in inglese aiuta a imparare

L’importanza della ripetizione per memorizzare nuove parole 

Ripetere, dunque è importante per riuscire a memorizzare a lungo termine quello che si impara. E questo vale in particolare per quanto riguarda l’apprendimento e la ritenzione del vocabolario.

Immaginiamo un bambino che a lezione scopre per la prima volta che “gonna” in inglese si dice “skirt”. Bene. Se lo ricorderà ancora il giorno dopo? Forse sì. Ma se non incontra più quella parola e non ha occasione di usarla, se lo ricorderà ancora dopo una settimana? E dopo un mese? E se insieme alla parola skirt quel bambino ha incontrato anche altre nuove parole (magari trousers, blouse e socks), quante di queste riuscirà a memorizzare e ricordare dopo un mese? Probabilmente molto poche se non ha l’occasione di ascoltarle, utilizzarle o richiamarle alla mente più volte in un certo intervallo di tempo.

Se invece la parola skirt viene ripetuta a intervalli , magari appare di nuovo nella lezione seguente, e poi qualche lezione dopo si trova in una storia o in una canzone, o viene usata in conversazione con l’insegnante, allora sarà davvero appresa e “ritenuta” dal bambino. 

La ripetizione in inglese per rinforzare il vocabolario attivo

La ripetizione vale anche per rinforzare il vocabolario attivo. Vediamo meglio di che si tratta. Gli studenti hanno due tipi di vocabolario quando imparano una lingua straniera: il vocabolario attivo e quello passivo. Il vocabolario attivo è composto dalle parole che gli studenti capiscono e che sono in grado di usare per comunicare. Il vocabolario passivo, invece, è composto dalle parole delle quali gli studenti conoscono il significato, ma che non sono in grado di usare attivamente nella conversazione. Quindi, per esempio, io posso capire cosa significa skirt quando vedo la parola scritta. Ma se devo usarla in una conversazione non mi viene in mente. Questa parola fa parte solo del mio vocabolario passivo. 

Alcune ricerche hanno mostrato che gli studenti dell’ultimo anno della scuola superiore in media hanno il 27% in meno di vocabolario attivo rispetto al vocabolario passivo. Questo in pratica significa che conoscono più parole di quello che sanno usare quando cercano di parlare. La ripetizione, ancora una volta, è utile per bilanciare il rapporto tra vocabolario attivo e passivo nell’apprendimento.

La ripetizione in inglese per rinforzare il vocabolario attivo

La ripetizione aiuta a sentirsi sicuri

Ma c’è anche un altro motivo per cui la ripetizione è importante, che non ha a che fare con il vocabolario e con la grammatica. Ripetere aiuta bambini e ragazzi ad acquisire sicurezza nell’uso della lingua che stanno imparando. E questo è un aspetto importante nel processo di apprendimento. 

Chiunque ha studiato una lingua straniera sa cosa significa: si studia in aula, si impara la grammatica e il vocabolario ma non si ha mai l’opportunità di usare la lingua per comunicare davvero.  E quindi, quando poi capita di dover parlare e mettere in pratica quello che si è studiato non ci si sente sicuri. 

“I ragazzi che studiano inglese spesso dicono di riuscire a capire l’inglese quando lo sentono parlare, ma si bloccano quando devono dire qualcosa”, dice Veranika Chyzh una che è una delle esperte di Novakid che si occupano di sviluppare i contenuti delle lezioni. “Questo è normale. Come può uno studente sentirsi sicuro nel fare qualcosa che non ha mai fatto prima o se non ha avuto modo di esercitarsi spesso? Succede così che i ragazzi si sentano incapaci di usare nuove strutture grammaticali per la prima volta quando si trovano a dover parlare inglese fuori dall’aula, nel mondo reale. Per questo in Novakid usiamo l’approccio del frequent recall. Con il richiamo frequente gli studenti si mettono alla prova con attività basate sulla ripetizione, durante le quali ripassano quello che hanno già studiato e allo stesso tempo imparano qualcosa di nuovo. Questa strategia li aiuta a sentirsi sicuri e capaci perché riescono a usare quello che già conoscono  dell’inglese per imparare sempre di più, ad ogni lezione”.

La ripetizione in inglese come in qualsiasi altra lingua è una delle strategie più antiche e più utilizzate, per la semplice ragione che è efficace. Solo ripetendo concetti, vocaboli e strutture grammaticali, gli studenti arrivano a capire davvero la lingua e a usarla con scioltezza. 

Prenota una lezione di inglese gratuita per tuo figlio con Novakid e scopri l’inglese divertente.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: