Scrolltop arrow icon
Left arrow icon All categories
Close icon
Novità
Apprendimento dell'inglese
Novakid per genitori
IT
IT flag icon
Mobile close icon
Greșeli gramaticale frecvente: Profesorul ne spune cum le putem evita
CTA background
Prenota le migliori lezioni d'inglese per tuo figlio
PROVA GRATIS
Share
LinkedIn share icon
05.04.2022
Time icon 10 min

Scopri le lingue più antiche del mondo e quali lingue stanno morendo in Italia.

Table of contents

Quante lingue si parlano nel mondo? Difficile dirlo con esattezza, perché le lingue nascono, si modificano e muoiono continuamente. Secondo gli esperti, sarebbero oltre 6.000 le lingue parlate oggi. La lingua più parlata al mondo resta l’inglese, con 1,5 miliardi di persone. Ecco perché continuano a essere importanti i corsi di inglese per bambini, per prepararsi al mondo di domani. Seguono il Cinese mandarino e l’hindi. Alcune lingue antiche sono ancora parlate da milioni di persone, altre invece rischiano di scomparire. Vediamo quali sono le lingue più antiche del mondo e quali lingue stanno morendo in Italia.

Sei un genitore e vorresti condividere la tua esperienza?
Contattaci e racconta la tua storia

Le lingue più antiche al mondo

Vediamo quali sono le lingue più antiche del mondo parlate ancora oggi:

Il Greco è la lingua più antica ancora parlata tra le lingue indoeuropee. La storia di questa lingua inizia oltre 3000 anni fa e oggi il greco è la lingua di 12 milioni di persone che vivono soprattutto in Grecia ma anche a Cipro e in Turchia. Un tempo nel Mediterraneo si parlava Greco come lingua franca, come oggi nel mondo si parla l’inglese. Esistono due lingue greche: katharevusa, la lingua colta e dimotikì, la lingua parlata. Nel 1976 la lingua dimotikì è diventata la lingua ufficiale dell’amministrazione e della scuola.

L‘Ebraico è una delle lingue più antiche del mondo (era usato già 3000 anni fa) e fa parte delle lingue semitiche insieme ad araboaramaico e altre. La lingua ebraica ha rischiato di estinguersi, a causa delle vicende del popolo ebraico e per alcuni secoli venne usato solo da studiosi e religiosi, un po’ come il latino di oggi. Con la creazione dello Stato di Israele, però, nel 1948 l’ebraico divenne la lingua ufficiale del Paese insieme all’arabo e tornò ad essere una lingua viva. Oggi è parlato da oltre 9.000 di persone in tutto il mondo. Si scrive da destra a sinistra e tutte le lettere indicano consonanti, come l’arabo.

Tra le lingue più antiche del mondo c’è anche il Tamil, le cui prime testimonianze scritte risalgono al V secolo a.C. La lingua Tamil è parlata da circa 80 milioni di persone e appartiene alla famiglia delle lingue dravidiche, che raggruppa oltre 80 lingue diffuse soprattutto in India, Sri Lanka, Pakistan, Nepal e Bangladesh. La caratteristica della lingua Tamil è la presenza di una diglossia: la compresenza di due lingue di cui una usata per i testi scritti e più formale e l’altra usata per la comunicazione orale.

Anche il Cinese è una delle lingue più antiche ancora parlate:le prime testimonianze di caratteri cinesi risalgono a 3000 anni fa. Il cinese comprende molte varianti regionali che sono considerate vere e proprie lingue separate, così diverse che i parlanti di diverse varianti non si capiscono. Il mandarino è la variante più diffusa. Il cinese è caratterizzato dai toni che indicano differenze di significato tra parole o sillabe identiche. Esempio tipico la sillaba “ma“, che può significare “mamma” “canapa” “cavallo” o “insultare”, a seconda del tono.

Parlato da 420 milioni di persone e lingua ufficiale di 24 paesi, l’Arabo è la quinta lingua più parlata al mondo e una delle lingue più antiche. Come l’ebraico, si scrive da destra a sinistra e le lettere dell’alfabeto indicano solo consonanti.

Euskara (o lingua basca), non appartiene a nessun’altra famiglia linguistica conosciuta ed è parlata da oltre 700.000 persone in alcune parti della Spagna e della Francia. Resta l’unica lingua ancora parlata tra le lingue usate nell’Europa sud-occidentale prima della romanizzazione nel II secolo a.C

La lingua Nahuatl è l’antica lingua degli Aztechi, parlata ancora oggi in alcune zone del Messico centrale da circa due milioni di persone ma a rischio di estinzione perché non più insegnata a scuola. Molte parole inglesi – tomato e avocado per esempio – derivano dal Nahuatl.

Perchè alcune lingue muoiono

Si stima che circa il 40% delle lingue esistenti rischiano di scomparire. Al di sotto dei 100.000 parlanti, una lingua è a rischio di estinzione. Come muoiono le lingue? A volte per cause esterne: per esempio in situazioni di dominio politico l’uso delle lingue regionali o legate a un’etnia viene vietato o scoraggiato. Ma le lingue muoiono anche per cause interne, quando le persone bilingui smettono di usare una lingua. Un esempio tipico sono i dialetti regionali italiani che vengono usati sempre meno in favore dell’Italiano. In Italia rischiano infatti di scomparire lo slavomolisano, l’Arbëreshë parlato in alcune zone della Calabria, il sardo campidanese e molti altri dialetti. Nel Regno Unito la lingua cornica (lingua celtica parlata in Cornovaglia) e l’Irlandese sono a rischio, perché soppiantate dall’inglese.

L’inglese resta oggi la lingua più parlata al mondo. Aiuta tuo figlio a imparare l’inglese con le nostre lezioni con insegnanti madrelingua su una divertente piattaforma interattiva. Prenota una lezione di prova gratuita.

Rate this post

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You might also like
Choose a language
Down arrow icon
Russia Global English Czech Republic Italy Portugal Brazil Romania Japan South Korea Spain Chile Argentina Slovakia Turkey Poland Israel Greece Malaysia Indonesia Hungary France Germany Global العربية Norway India India-en Netherlands Sweden Denmark Finland
Cookie icon
Utilizziamo i cookie per semplificare l'uzo del nostro sito. Visitando il sito, Lei accetta di salvare i cookie nel tuo browser.