Scrolltop arrow icon
Left arrow icon Tutte le categorie
Close icon
Novità
Apprendimento dell'inglese
Novakid per genitori
IT
IT flag icon
Mobile close icon
CTA background
Prenota le migliori lezioni d'inglese per tuo figlio
PROVA GRATIS
Condividi
LinkedIn share icon
Modal verbs verbi modali inglese
Grammatica
Star icon
23.05.2023
Time icon 5 min
Comment icon 0 commenti

Modal verbs inglesi: quali sono e a cosa servono?

Indice dei contenuti

– I can’t find my wallet! I must have lost it, damn it….
– What a trouble, may I help you look for it?
– Oh yes, you would be so kind!
– I’ll go check in the car, you might have left it there.

Questo dialogo che racconta di portafogli smarriti, persone distratte e altre persone gentili, desiderose di dare una mano. Poi ci racconta tante altre cose: di tutto un mondo di possibilità, probabilità, ipotesi, proposte… Insomma, ti diamo il benvenuto nel mondo dei modal verbs!

Può darsi che nel tuo corso di inglese tu li abbia già incontrati, oppure che tu stia seguendo un corso di inglese base e quindi non li abbia ancora studiati: in ogni caso l’articolo che stai per leggere ti accompagnerà alla scoperta di questo particolarissimo tipo di verbi della grammatica inglese

Te lo propone Novakid, scuola che insegna ai bambini inglese on-line, in 49 paesi del mondo e sempre con insegnanti madrelingua certificati.

Allora, cominciamo!

Che cosa è un verbo modale?

Questi verbi  possono essere definiti in base a tre parametri, vediamo quali.

  • Il punto di vista di chi parla

Già dal nome – in inglese sono anche chiamati modality verbs – si comprende che essi hanno a che fare con il modo in cui chi parla considera un evento, una situazione, un’azione.

Questo punto di vista può esprimere, incertezza, probabilità, possibilità, obbligo, richiesta e altro che vedremo in seguito.

Tornando al nostro esempio: I can’t find dice l’impossibilità di trovare; you might have left it fa invece un’ipotesi: e se avessi lasciato il portafoglio in macchina?

  • La relazione con il verbo principale

I modali sono verbi ausiliari, cioè verbi che “aiutano” un altro verbo per precisarne il senso. Quindi li troverai mai da soli, ma sempre accompagnati da un altro verbo: se questo esprime il cosa e il modale racconta il come.

Tornando al nostro esempio: per proporsi di aiutare, la persona gentile dice May I help you? Posso aiutarti? Quel may da solo non starebbe in piedi: posso che cosa?

  • Le regole di declinazione e l’uso

Come vedremo meglio nella spiegazione che segue, i modal verbs si comportano in maniera irregolare rispetto ai verbi normali. Per esempio non cambiano mai la loro forma, e costruiscono le frasi affermative e le frasi interrogative in modo tutto loro. Hai notato per esempio che fra modal verb e main verb non c’è mai il to?

Se vogliamo fare un parallelismo, la cosa più simile ai modal verbs nella lingua italiana sono i cosiddetti “verbi servili”: potere, volere, dovere, solere e sapere (nel senso di saper fare). Ma mi raccomando: sono assimilabili, non certo uguali!

Sei un genitore e vorresti condividere la tua esperienza?

Contattaci e racconta la tua storia

Modal verbs, lista completa

I modali inglesi sono:

  • Can
  • Could
  • May
  • Might
  • Will
  • Would
  • Must
  • Shall
  • Should

Ce n’è poi un altro che alcune fonti considerano modal verb e altri considerano semi-modal verb:

  • Ought to

Ciascuno di essi assolve a grande varietà di funzioni comunicative che vedremo più avanti nella spiegazione.

A questi se ne aggiungono altri che – pur non essendo modali propriamente detti – sono comunque modality verbs  nel senso del significato:

  • dare, nel senso di avere il coraggio di: No one dare go there
  • need
  • used to
  • have (got) to,
  • be going to
  • be able to

Come si comportano i verbi modali?

Essi presentano caratteristiche a sé, cioè si comportano in modo irregolare. Più precisamente:

  • Sono verbi invariabili, cioè non prendono la s alla terza persona singolare: She can swim, non * She cans.
  • Non sono mai usati da soli ma sono sempre seguiti dalla forma base di un altro verbo (main verb). L’unico caso in cui possono stare da soli è nella risposta alle domande: – Can she swim? – Yes, she can
  • Sono seguiti dall’infinito ma senza il to (con l’eccezione di ought to, che molti considerano un semi-modal): I might leave tomorrow.
  • Inoltre costruiscono le negative e le interrogative senza l’ausiliare do.

Le frasi negative

Come sai, di solito per costruire le forme negative si usa la formula to do + not: I don’t like pizza. Anche in questo caso i verbi modali ausiliari fanno regola a sé e le frasi negative se formano secondo questo schema:

soggetto + v. modale + not + v. principale

Anche i modali si contraggono la particella not. Fanno eccezione may e might (che in inglese americano non si contraggono e in British English sì). Vediamo degli esempi  alla forma negativa:

 

Soggetto Modal + not Verbo principale
I would’t say
you may not help
She shouldn’t be asleep
We shan’t be home
You couldn’t go
Paul and Laura might not come to the party

 

Le frasi interrogative

Anche in questo caso, non si usano do, does, did, is, are e tutte le altre forme degli ausiliari. No, semplicemente si fa l’inversione fra il modale e il soggetto secondo questo schema:

v. modale + soggetto + v. principale

 

Modale Soggetto Principale
Would she come?
May you open the door?
Can they speak English?

 

Verbi modali inglesi al passato

Dato che il più delle volte usiamo  questi verbi per parlare di eventi o situazioni che non si sono ancora verificate, per esempio per avanzare un’ipotesi oppure una richiesta, solo alcuni di loro sono usati per riferirsi a qualcosa avvenuto nel passato.

Dei modal verbs propriamente detti solo could, might, should e would possono riferirsi ad azioni passate, perché funzionano come forme al passato dei verbi can, may, shall e will.

Ma attenzione: ricorda che could, might, should e would hanno anche significati propri relativi al tempo presente e al futuro, e indicano probabilità, permesso, richiesta.

Guarda questi due esempi di modal verbs:

  • When I was young I could hold my breath for almost a minute (quando ero giovane sapevo trattenere il respiro per quasi un minuto: qui è un modale che esprime un’abilità al passato).
  • I could phone her, but I don’t feel like it (potrei telefonarle, ma non ne ho voglia: qui è un modality verb che esprime possibilità al presente).

Infine, nessuno dei verbi modali – neanche quelli che abbiamo appena elencato – può essere usato al past perfect, past continuous o past perfect continuous.

Quando si usano i verbi modali in inglese?

Come abbiamo anticipato varie volte nelle righe precedenti sono utilizzati per arricchire la funzione del verbo principale di una sfumatura di:

  • Probabilità, possibilità
  • Abilità e capacità
  • Permessi, autorizzazioni
  • Domande
  • Proposte e inviti
  • Suggerimenti
  • Obblighi
  • Possibilità
  • Auguri, desideri, speranze

Vediamo adesso esempi d’uso e significati.

Can

  • Esprime abilità, capacità di fare qualcosa: I can swim (occhio: in italiano si traduce come so nuotare, non *posso nuotare).
  • Poi, si usa per chiedere un permesso in modo veloce e informale: Can we talk in private (possiamo parlare in privato?) o per dare un’autorizzazione: You can park here (qui puoi parcheggiare).
  • Evoca anche una possibilità concreta: Smoking can seriously damage your health (il fumo nuoce gravemente alla salute).
  • Si usa anche per proporre un aiuto: Can I help you?

Could

  • Could può essere considerato il passato di can per descrivere un’abilità nel passato: I could walk for hours (ero capace di camminare per ore).
  • Può anche essere utilizzato per formulare domande un po’ più cortesi: Could I have a word with you? (potrei parlarti? Stessa richiesta dell’esempio precedente ma più formale).
  • Serve anche per indicare possibilità: You could get a bus (puoi prendere l’autobus).
  • È anche molto utile per fare proposte e inviti: We could out for a drink (potremmo vederci per bere una cosa).

May

  • Può formulare una proposta o un suggerimento: She may come with us (potrebbe venire con noi).
  • Su usa per chiedere un’autorizzazione in modo formale: May a talk to you? (posso parlarle?)
  • Infine, parla di una probabilità: Tom may make a career change (Tom potrebbe cambiare lavoro).
  • Esprime un augurio, un desiderio: May you have a long and happy life (Che possiate avere una vita lunga e felice).

Might

  • La versione più formale di may nelle richieste: Might I speak with a manager, please? (potrei parlare con un responsabile, per favore?)
  • Descrive anche una possibilità meno concreta che qualcosa accada: This article might interest you (questo articolo potrebbe interessarti, ma non ne son sicuro).
  • Infine, parla di una possibilità nel passato: I thought this article might interest you (pensavo questo articolo potesse interessarti)

Will

  • Esprime la capacità di qualcuno o qualcosa e anche la capienza: The flat will sleep 4 people (l’appartamento può ospitare fino a 4 persone).
  • Si usa per chiedere a qualcuno di fare qualcosa, anche un modo piuttosto deciso: Will you stop making noise, please? (puoi smettere di far rumore per favore?).
  • Ma anche per formulare inviti gentili e simpatici: Will you come over for a tea? (ti va di passare per un tè?).
  • Descrive anche l’alta probabilità di qualcosa: As you will know, they got divorced last year (come saprai hanno divorziato l’anno scorso).

Would

  • Descrive un’azione o una situazione possibile, anche nei periodi ipotetici: What would I do if you were not there? (cosa farei se non ci fossi?)
  • Formula domande molto educate: Would you like more coffe? (vorresti un altro po’ di caffè?)
  • Esprime la ripetizione nel passato: He would read for a long time before falling asleep (leggeva sempre prima di addormentarsi).
  • Si usa per dare consigli e pareri in modo molto discreto ed educato: I would say that we all need to think better about this issue (direi che dobbiamo tutti riflettere meglio sulla questione).

Must

  • Esprime qualcosa che è necessario, obbligatorio, essenziale, che deve essere fatto assolutamente: You must let the water boil before drinking it (bisogna far bollire l’acqua prima di berla); I absolutely must see that movie! (devo assolutamente vedere quel film).
  • Si usa per indicare una probabilità altissima: She has been working all day, she must be exhausted (ha lavorato tutto il giorno, deve essere esausta).

Shall

  • Viene utilizzato alla prima persona (I e We) per dare un suggerimento: Shall we order a pizza? (ordiniamo una pizza?).

Should

  • Afferma un’obbligazione, qualcosa che deve essere fatto: you should be ashamed of yourself (dovresti vergognarti); A doctor should know how to talk to patients (un medico dovrebbe sapere come parlare ai pazienti).
  • Si usa anche per parlare di un’azione o un evento altamente probabile o che ci si aspetta: Paula should be here at 5 o’clock (Paula dovrebbe arrivare alle 5).

Ought to

  • Descrive qualcosa che non è un obbligo ma è fortemente consigliabile: You are in trouble, you ought to talk to a lawyer (sei nei guai, faresti meglio a parlare con un avvocato).
  • Un po’ come should, indica che qualcosa è molto molto probabile: If I am not wrong, stores ought to close at 7 a.m. (se non sbaglio i negozi dovrebbero chiudere alle 7).

La nostra piccola guida ai verbi modali finisce qui,  adesso tocca a te!

3/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti
Scegli una lingua
Down arrow icon
Russia Global English Czech Republic Italy Portugal Brazil Romania Japan South Korea Spain Chile Argentina Slovakia Turkey Poland Israel Greece Malaysia Indonesia Hungary France Germany Global العربية Norway India India-en Netherlands Sweden Denmark Finland
Cookie icon
Utilizziamo i cookie per semplificare l'uzo del nostro sito. Visitando il sito, Lei accetta di salvare i cookie nel tuo browser.