Scrolltop arrow icon
Left arrow icon Tutte le categorie
Close icon
Novità
Apprendimento dell'inglese
Novakid per genitori
IT
IT flag icon
Mobile close icon
CTA background
Prenota le migliori lezioni d'inglese per tuo figlio
PROVA GRATIS
Condividi
LinkedIn share icon
Past simple e past continuous: quale utilizzare?
Grammatica
Star icon
06.06.2023
Time icon 4 min
Comment icon 0 commenti

Past simple e past continuous: quale utilizzare?

Indice dei contenuti

Eccoci di fronte a un dilemma che accomuna molti fra quanti seguono un corso di inglese: qual è la differenza tra past simple e past continuous? Quando si usa il primo e quando il secondo per parlare del passato in inglese? Per rispondere a queste domande Novakid, scuola che organizza online corsi per insegnare inglese ai bambini in 49 paesi del mondo, ti ha preparato questo articolo.

Nelle righe che seguono scoprirai come distinguere questi due tempi verbali del passato, le regole di formazione di uno e dell’altro tense, i casi d’uso e le differenze, e anche le costruzioni in cui questi due tempi verbali vanno sempre insieme nella lingua inglese.

Allora, cominciamo!

Past simple in breve: quando si usa e come si forma

Questo tempo si utilizza quando dobbiamo descrivere un’azione cominciata, svolta e  terminata in un momento del passato.

I arrived at 3 p.m. (sono arrivato alle 3 del pomeriggio)

Si tratta di un tempo semplice (composto cioè da una sola parola) e si forma aggiungendo la desinenza -ed alla forma base del verbo:

walk >> walked

paint >> painted

cook >> cooked

Naturalmente esistono anche molti casi in cui l’aggiunta delle desinenza -ed comporta qualche “aggiustamento”:

stop >> stopped

carry >> carried

E questi sono i verbi regolari. Poi esistono i verbi irregolari (anche ad altissima frequenza come to have, to be, to go, to come) che al past simple hanno una forma divergente:

be >> was / were

have >> had

go >> went

come >> came

feel >> felt

break >> broke

Ne abbiamo elencati solo pochissimi, davvero una goccia nel mare. Trovi un elenco più completo nell’articolo che abbiamo dedicato al Past tense.

La forma negativa si costruisce aggiungendo didn’t alla forma base:

I didn’t arrivaìe at 3 p.m.

Le domande si fanno invece cominciando la frase con il did, seguito dal soggetto e dalla forma base del verbo principale:

Did you arrive at 3 p.m.?

Sei un genitore e vorresti condividere la tua esperienza?

Contattaci e racconta la tua storia

Past continuous in breve: quando si usa e come si forma

Il passato continuo o progressivo si utilizza in due casi:

  • Per esprimere un’azione che era in svolgimento (background) mentre ne accadeva un’altra:

She was reading when the phone rang (stava leggendo – azione di background – quando è squillato il telefono)

  • Per indicare un’azione o una situazione che si è prolungata per un certo periodo di tempo nel passato :

I couldn’t come, I was working all day (non sono potuto venire, ho lavorato tutto il giorno).

Come vedi, si tratta di un tempo composto formato dall’unione del past simple del verbo essere, to be, unito alla forma -ing del verbo principale:

I was working (stavo lavorando/lavoravo)

Le frasi negative si formano, come sempre, con il not unito all’ausiliare: wasn’t (was not) o weren’t (were not) poi seguito dal gerundio in -ing:

I wasn’t working

Per costruire le interrogative si applica come sempre l’inversione soggetto verbo, e si comincia la frase con l’ausiliare was / were, seguito da soggetto e forma -ing:

Was you working?

Past simple o past continuous, quale scegliere?

Come vedi, quindi il problema non è come distinguere past simple e past continuous: hanno forme molto diverse che li rendono facilmente identificabili. Il problema è – quando parli e scrivi in inglese – scegliere quello giusto rispetto al significato che vuoi veicolare.

Ci sono casi in cui decidere quale tempo scegliere è facile e chiaro, come nel primo dei nostri due esempi : She was reading when the phone rang. Ma ci sono altri casi in cui la scelta del tempo dipende dal punto di vista di chi parla.

Focus sull’azione o sulla sua durata?

I tempi e i modi verbali sono come strumenti musicali: li scegliamo anche in base al “tono” che vogliamo dare al nostro discorso. E allora, nel nostro caso, nel raccontare un’azione del passato possiamo decidere che cosa mettere in risalto: la durata dell’azione o il suo completamento? Nel primo caso sceglierai il passato  progressivo, nell’altro caso il passato semplice:

  • They were teaching Italian to foreign children to help them integrate into the community: chi parla ha deciso di sottolineare la durata dell’azione, il suo svolgimento nel tempo. In italiano si tradurrebbe meglio con l’imperfetto: insegnavano l’italiano ai ragazzi stranieri per aiutarli a integrarsi nella comunità.
  • They taught Italian to foreign children to help them integrate into the community: qui il focus è sull’azione propriamente detta, che viene data per conclusa. In italiano può essere tradotto con il passato prossimo: hanno insegnato italiano ai ragazzi stranieri per aiutarli a integrarsi nella comunità.

Esprimere la continuità o il momento esatto?

Un altro caso in cui possiamo chiederci quale tempo utilizzare riguarda il collegamento fra due azioni, entrambe avvenute in un periodo di tempo nel passato:

  • When the babysitter arrived the children were playing: qui abbiamo scelto il passato continuo per dire che i bambini giocavano prima, durante e dopo l’arrivo della baby-sitter. Abbiamo quindi scelto di sottolineare la continuità dell’azione.
  • When the babysitter arrived, the children started playing: in questo caso il simple past started ci torna utile perché per indicare un momento esatto.

Quando non usare il past continuous

Nella grammatica inglese, esiste una categoria di verbi con cui non bisogna mai usare né il past continuous né alcun verbo progressivo (quelli che usano la -ing form, per capirci). Sono i verbi stativi. Questo verbi esprimono uno stato, una condizione permanente oppure un’emozione o un sentimento: insomma, descrivono uno stato e non un’azione.

Questo verbi si riferiscono a:

  • Pensieri e opinioni: agree, believe, doubt, guess, imagine, know, mean, recognise, remember, suspect, think, understand, see (nel senso di capire).
  • Sentimenti ed emozioni: dislike, hate, like, love, prefer, want, wish.
  • Sensi e percezioni: appear, be, feel, hear, look, see, seem, smell, taste (nel senso di avere un sapore).
  • Possesso: belong, have (nel senso di possedere), own, possess.
  • Misura e capacità: measure, weigh.

Quindi non dirai mai *I was knowing ma sempre I knew; mai *I was preferring ma sempre I preferred.

Ma fai attenzione alle frasi seguenti:

  • I was having lunch è corretto perché to have lunch è un’azione.
  • *I was having two cars è sbagliato: nel senso di possedere si dice I had.
  • I was being rude è corretto perché indica uno stato temporaneo (comportarsi male)
  • *The lecture was being interesting è sbagliato, perché essere interessanti è uno stato permanente, quindi si dice The lecture was interesting.

Quando si usa il past simple e il past continuous insieme?

Lo abbiamo già accennato nei paragrafi precedenti ma vale la pena specificarlo meglio. Li utilizziamo insieme per costruire frasi che collegano due azioni del passato:

  • Un’azione è meno importante che fa da sfondo: è il background della narrazione. Si tratta di un’azione che ha una sua durata e che può venire interrotta dall’azione principale o continuare dopo di essa. Si esprime al past continuous.
  • Un’azione è più importante, è l’evento principale a cui si vuole dare risalto,  il cuore della narrazione. Si esprime al past perfect.

Guarda gli esempi seguenti:

  • I was cycling to work when I heard an explosion: stavo andando in bici (azione che fa da sfondo) quando ho sentito un’esplosione (evento più importante).
  • Helen was studying philosophy in Paris when she met Paul and fell in love: gli studi a Parigi sono l’azione di sfondo in cui si inserisce l’evento principale.
  • While I was sleeping, thieves broke into my flat: al past continuous l’azione di dormire che crea il contesto in cui avviene l’evento chiave: il furto.

Avrai notato un’altra cosa importante: in queste frasi che uniscono past continuous e present simple sono spesso presenti when e da while:

  • When introduce i verbi coniugati al past simple.
  • While introduce i verbi coniugati al past continuous.

Che ne dici, l’uso di questi due tempi e delle loro differenze è un po’ più chiaro? Siamo convinti che con questa sessione di grammatica, delle lezioni di conversazione inglese online e un po’ di esercizi, past simple e past continuous andranno magicamente a posto!

5/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti
Scegli una lingua
Down arrow icon
Russia Global English Czech Republic Italy Portugal Brazil Romania Japan South Korea Spain Chile Argentina Slovakia Turkey Poland Israel Greece Malaysia Indonesia Hungary France Germany Global العربية Norway India India-en Netherlands Sweden Denmark Finland
Cookie icon
Utilizziamo i cookie per semplificare l'uzo del nostro sito. Visitando il sito, Lei accetta di salvare i cookie nel tuo browser.