Scrolltop arrow icon
Left arrow icon Tutte le categorie
Close icon
Novità
Apprendimento dell'inglese
Novakid per genitori
IT
IT flag icon
Mobile close icon
CTA background
Prenota le migliori lezioni d'inglese per tuo figlio
PROVA GRATIS
Condividi
LinkedIn share icon
Come aiutare tuo figlio a preparare una presentazione multimediale
Educazione dei figli
Star icon
01.05.2024
Time icon 5 min
Comment icon 0 commenti

Come aiutare tuo figlio a preparare una presentazione multimediale

Indice dei contenuti

Le conosciamo come “powerpoint”, ma le presentazioni multimediali possono essere preparate anche senza il powerpoint. Richiedono più tempo di un compito “normale” e forse a volte ti sei chiesto se sono davvero utili. Come vediamo in questo articolo, le presentazioni multimediali sono una metodologia didattica utile a sviluppare molte competenze ed efficaci anche per imparare l’inglese. Qui puoi leggere di più sulle diverse metodologie didattiche per imparare l’inglese. 

Se devi aiutare tuo figlio a preparare una presentazione per scuola, ecco alcuni consigli utili, gli errori da non fare e i software che puoi usare oltre al classico PowerPoint. Il consiglio più importante però – come sempre quando si tratta di aiutare i bambini a fare i compiti – è quello di non aiutare troppo. Ricordati che l’obiettivo non è andare a scuola con una presentazione perfetta (fatta da te). L’obiettivo è dare a tuo figlio un’opportunità per imparare e per fare un lavoro di cui sia orgoglioso, anche se non sarà perfetto. 

Presentazione multimediale: che cos’è e quali strumenti usare

Una presentazione multimediale è costituita da una serie di diapositive, “slide” in inglese, che dovrebbero per definizione contenere foto, video o audio (altrimenti dov’è la multimedialità?) 

Lo strumento più usato per creare presentazioni multimediali è Microsoft PowerPoint, ma non è l’unico. Un altro strumento utile e gratuito è Google Slides,che ha più o meno le stesse funzionalità di PowerPoint e va benissimo per le presentazioni scolastiche. Per i Mac, puoi usare Apple Keynote per le presentazioni multimediali. Oppure Prezi, un software a pagamento che consente di fare presentazioni molto più dinamiche delle tradizionali presentazioni “a slide”. 

Le presentazioni multimediali sono usate già dalla scuola primaria, generalmente per presentare i risultati di una ricerca di gruppo o individuale. E naturalmente anche all’esame di terza media è prevista la preparazione di una presentazione multimediale. Ma a cosa servono le presentazioni multimediali? Sono così diverse da una ricerca presentata in modo tradizionale sul quaderno o su un cartellone? 

Sei un genitore e vorresti condividere la tua esperienza?
Contattaci e racconta la tua storia

A cosa servono le presentazioni multimediali?

Preparare e presentare un argomento con un powerpoint richiede un lavoro un po’ diverso da parte dei bambini, rispetto alla presentazione di un lavoro su carta. In particolare, le presentazioni multimediali sono un’opportunità per:  

  1. Sviluppo delle abilità di comunicazione: creare e presentare una presentazione multimediale aiuta a migliorare le abilità di comunicazione sia orale che scritta. Si deve riuscire a organizzare le loro idee in modo chiaro e trasmettere in modo efficace a chi ascolta.
  2. Apprendimento attivo: preparare una presentazione richiede a ragazzi e ragazze di approfondire l’argomento, selezionare le informazioni più importanti, impararle e soprattutto sintetizzare per riportarle nella presentazione e renderle chiare a chi ascolta. Questo processo di apprendimento attivo aiuta a comprendere davvero un argomento 
  3. Potenziamento dell’autostima: presentare davanti a un pubblico può essere un’esperienza che spaventa un po’, ma aiuta i ragazzi e sviluppare fiducia in se stessi e nelle proprie capacità. Superare la paura di parlare in pubblico può essere un importante traguardo personale.

E poi naturalmente una presentazione dà modo di essere più creativi – si possono realizzare e inserire nella presentazione video, foto, file audio – e sviluppa le competenze digitali. Si impara a navigare nell’interfaccia del software, a manipolare immagini e video, e a utilizzare vari strumenti per creare una presentazione efficace. Tutto questo fa parte delle abilità di comunicazione multimediale, una competenza importante per bambini e bambine.

Come organizzare una presentazione multimediale.

Se tua figlia ti ha chiesto aiuto per preparare “un powerpoint” per la scuola, ecco qualche consiglio utile. Prima di tutto: realizzare la presentazione multimediale è l’ultimo passaggio di un lavoro di ricerca sull’argomento. Quindi prima di pensare a come fare le slide, è importante trovare le informazioni. Si possono usare libri, siti web affidabili o fare interviste per raccogliere. Puoi dare un’occhiata ai diversi metodi per prendere appunti in modo efficace. 

Importante che la presentazione sia davvero multimediale, cioè che contenga diversi “media”: foto, video, audio. Si può trovare molto materiale in rete, certo. Ma si può anche pensare di creare materiale originale: foto dai libri, interviste, video, audio. La presentazione dà modo di essere originali nel lavoro di ricerca. 

Una volta raccolte le informazioni, queste vanno organizzate in modo coerente. Puoi suggerire di utilizzare un elenchi puntati o mappe concettuali per organizzare le idee e per decidere quante slide servono e cosa mettere in ogni slide. Quando arriva il momento di creare le slide, viene la parte che bambini e bambine amano di più: ci si può divertire con diversi font, colori, transizioni, animazioni del testo (attenzione a non esagerare, però), inserire immagini, grafici e musica per rendere la presentazione davvero multimediale. 

Una volta completata la presentazione, è importante esercitarsi ad alta voce, anche per rimanere entro i limiti di tempo stabiliti. Esercitarsi ad esporre l’argomento della presentazione multimediale è molto importante: aiuta a familiarizzare con il contenuto e a sentirsi più sicuri prima di presentare in classe. 

Gli errori da evitare nelle presentazioni multimediali.

Qual è il segreto per creare una presentazione multimediale interessante, che aiuti chi ascolta ad imparare e che faccia prendere un bel voto al “presentatore”? L’importante è ricordare che la presentazione è solo un “visual aid”, un aiuto visivo per aiutare chi ascolta a capire un argomento. Quindi ecco alcuni punti a cui fare attenzione: 

  1. Non mettere troppo testo sulle slide: la slide deve contenere solo i punti chiave del discorso. 
  2. Rispettare i tempi: prepararsi a casa a presentare le slide aiuta a mantenere la presentazione entro i tempi stabiliti, senza dilungarsi troppo.
  3. Leggere direttamente dalle slide: le slide devono essere solo un supporto visivo, un aiuto per ricordare i punti principali del discorso. 
  4. Non esagerare con gli effetti e le transizioni: le transizioni e gli effetti di testo sono divertenti, ma se si esagera c’è il rischio di distrarre chi ascolta dal contenuto.

Preparare una presentazione multimediale può essere un modo divertente di studiare e una buona opportunità per esercitare la creatività.

Rate this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti
Figli adolescenti illustrazione
Educazione dei figli
Educazione dei figli
Scegli una lingua
Down arrow icon
Russia Global English Czech Republic Italy Portugal Brazil Romania Japan South Korea Spain Chile Argentina Slovakia Turkey Poland Israel Greece Malaysia Indonesia Hungary France Germany Global العربية Norway India India-en Netherlands Sweden Denmark Finland
Cookie icon
Utilizziamo i cookie per semplificare l'uzo del nostro sito. Visitando il sito, Lei accetta di salvare i cookie nel tuo browser.