Scrolltop arrow icon
Left arrow icon Tutte le categorie
Close icon
Novità
Apprendimento dell'inglese
Novakid per genitori
IT
IT flag icon
Mobile close icon
CTA background
Prenota le migliori lezioni d'inglese per tuo figlio
PROVA GRATIS
Condividi
LinkedIn share icon
Una ragazza e un ragazzo si salutano, illustrazione, gestione rabbia nei bambini
Imparare con la lettura
Star icon
10.10.2023
Time icon 6 min
Comment icon 0 commenti

Crescere sereni: come gestire la rabbia nei bambini

Indice dei contenuti

Urla, piedi che sbattono sul pavimento, lancio di oggetti, bambine e bambini che si rotoloano sul pavimento. A volte la rabbia dei piccoli diventa incontenibile e per i genitori è difficile capire come affrontarla. Vediamo insieme come gestire la rabbia nei bambini e come aiutare bambini e bambine a esprimere la rabbia in modo non distruttivo e a ritrovare la calma, con i consigli di psicologi ed educatori. 

La rabbia nei bambini: imparare a riconoscerla

Insegnare ai piccoli a riconoscere la rabbia, a capire quando si è arrabbiati e perché è il primo passo per gestire i problemi di rabbia. La rabbia nei bambini come negli adulti è un’emozione naturale, parte dello spettro delle emozioni umane che dobbiamo imparare a conoscere e gestire. Parliamo di educazione alle emozioni in questo articolo sull’intelligenza emotiva

Perché bambini e bambine si arrabbiano? Le cause più comuni della rabbia nei bambini sono la frustrazione (voglio fare una cosa ma qualcosa o qualcuno me lo impedisce oppure non ci riesco), la delusione, la stanchezza, la fame, la paura o il sentirsi incompresi. Queste emozioni possono essere travolgenti per bambini e bambine, che spesso non hanno ancora sviluppato le capacità di regolazione emotiva degli adulti. La rabbia può spaventare i piccoli, che la sentono come un qualcosa di incontrollabile che non capiscono. 

La prima cosa, quindi, è insegnare che sentirsi arrabbiati è normale e accettabile, proprio come sentirsi felici o tristi. Ma che ci sono modi giusti e modi sbagliati di esprimere la rabbia. Nessuna emozione è sbagliata, sono i comportamenti legati alle emozioni che possono essere sbagliati. Non diciamo quindi a un bambino “non ti devi arrabbiare”, ma diciamo “non devi buttare tutto per terra quando ti arrabbi”.

Come genitore, devi offrire un ambiente sicuro dove tuo figlio può esplorare e comprendere tutte le proprie emozioni. 

Come reagire davanti a una crisi di rabbia?

Le crisi di rabbia nei bambini e nelle bambine possono essere molto forti. A volte basta un “no” del genitore per scatenare una rabbia incontrollabile. Gli psicologi suggeriscono di cercare sempre di capire il motivo del capriccio e della rabbia. Dietro alla rabbia dei bambini c’è sempre un bisogno (di primeggiare, di attenzione, di sentirsi amato, di avere il proprio spazio) e il compito del genitore è riconoscere e ascoltare quel bisogno. 

Quando un bambino è in preda a una crisi di rabbia, è inutile parlare o cercare di spiegare, perché in quel momento il bambino non è in grado di ascoltare. Meglio lasciare che si sfoghi, e poi parlare di quello che è successo quando la crisi sarà passata e il bambino è più calmo. 

L’importante è che bambine e bambini sentano che gli vuoi bene anche quando si arrabbiano, e che dopo la rabbia si può chiedere scusa e fare pace. In questa guida ai capricci elaborata dai servizi educativi del comune di Venezia trovi molti consigli su come gestire la rabbia nei bambini. 

Crisi isteriche nei bambini e nelle bambine

Quando è il caso di preoccuparsi per i problemi di rabbia? A volte la rabbia dei piccoli diventa davvero violenta fino a causare dei veri e propri accessi d’ira.

Ecco come vengono descritti gli accessi d’ira nei bambini dal manuale MSD, “durante un accesso d’ira i bambini possono gridare, piangere, dimenarsi, rotolarsi sul pavimento, lanciare oggetti e battere i piedi. Il bambino può diventare rosso in viso e tirare pugni o calci. Alcuni bambini trattengono volontariamente il fiato per alcuni secondi, quindi ricominciano a respirare normalmente”

 

Questi episodi sono comuni tra i 2-4 anni e poi spariscono dopo i 5 anni. Spesso i genitori colpevolizzano sé stessi o il proprio stile genitoriale ma in realtà il problema dipende da molti fattori, come la personalità del bambino, le circostanze e il normale processo di sviluppo del comportamento. 

Quando è il caso di preoccuparsi? .Se le crisi isteriche di un bambino diventano frequenti, durano più di 15 minuti, oppure se il bambino si fa male o fa male ad altri, è meglio consultare un medico per capire la causa della rabbia e sapere come gestirla al meglio. 

Sei un genitore e vorresti condividere la tua esperienza?

Contattaci e racconta la tua storia

Sintomi della rabbia repressa

Non sempre un bambino arrabbiato urla o lancia i giocattoli. A volte i piccoli non sono in grado di esprimere la rabbia che provano. Siamo di fronte alla rabbia repressa. Questa rabbia accumulata viene spesso nascosta e può generare problemi di comportamento come isolamento, ansia, somatizzazione, tristezza cronica. 

In entrambi i casi, sia che i bambini esprimano apertamente la rabbia sia che la reprimano, è importante per i genitori essere sensibili e attenti ai segnali emotivi e comportamentali dei bambini. Riconoscere la rabbia repressa richiede un’attenzione particolare poiché potrebbe non essere visibile, ma può comunque influire sul benessere emotivo dei bambini. L’obiettivo è creare un ambiente in cui i bambini si sentano sicuri nel condividere le loro emozioni, sia attraverso la parola che attraverso il comportamento, e imparino a gestire la rabbia in modo sano ed efficace.

Per aiutare i bambini a esprimere la rabbia repressa, devi crare un ambiente accogliente, dove tuo figlio o tua figlia sanno di poter parlare senza essere giudicati o colpevolizzati. Valida i loro sentimenti e promuovi la comunicazione aperta. Insegna loro abilità di gestione delle emozioni, offri alternative ai comportamenti negativi. Puoi trovare alcuni consigli utili anche nel nostro articolo su come gestire i figli adolescenti.

Bambino arrabbiato: che fare?

Come possiamo aiutare bambini e bambine a gestire la rabbia? Cerca di capire il bisogno dietro la rabbia, parla con tuo figlio, spiega comportamenti giusti e comportamenti sbagliati per esprimere la rabbia. Per esempio: “non puoi dare un pugno a tuo fratello quando sei arrabbiato, ma puoi pestare i piedi per terra oppure dare un pugno al cuscino del divano”. 

Soprattutto insegna a capire i più piccoli come ritrovare la calma dopo un momento di rabbia e come evitare che la rabbia diventi incontrollabile. Ecco qualche idea per aiutare i bambini a gestire la rabbia:

  1. Leggete insieme un libro sulla rabbia e parlatene. Qui ti consigliamo due video da vedere insieme, dove vengono letti due libri sulla rabbia: 

Una rabbia da leone: 3 – 6 anni 

Fergal è arrabbiato: dai 6 anni 

2. Create un cestino della rabbia. Ti basta un cestino, una scatola o un barattolo che terrai sempre nello stesso posto. Quando tuo figlio si ha uno scatto di rabbia, invitalo a mettere la rabbia nella scatole. La rabbia può essere espressa con un disegno o un oggetto. Chiudere la rabbia nella scatole aiutare il bambino a calmarsi e poi a riflettere su quello che gli succede. Ogni tanto aprite insieme la scatola della rabbia per ricordare che cosa ha generato il momento di rabbia e parlatene, per capire il motivo. In questo modo bambine e bambine non si sentono soli davanti alla loro rabbia e sapranno che possono parlarne con te. 

3. Costruite un vasetto della calma. Si tratta di un barattolo riempito di colla o gel e glitter, che bambini e bambine possono maneggiare e osservare e che aiuta a ritrovare la calma dopo un momento di rabbia. Qui puoi vedere come costruire un vasetto della calma. E qui puoi leggere i consigli dei pediatri di UPPA per usare il barattolo della calma con bambine e bambini. 

4. Insegna a riconoscere i segnali della rabbia: insegna a riconoscere i segnali che indicano che si stanno arrabbiando, cosi potranno intervenire prima che la rabbia diventi ingestibile.

5. Tecniche di regolazione emotiva: la respirazione profonda o contare fino a dieci può aiutare a calmarsi quando sono arrabbiati.

I bambini non sono tutti uguali, naturalmente, e quello che funziona per alcuni non funziona per altri. L’importante è scoprire insieme ai tuoi figli che cosa li aiuta a gestire la rabbia e a calmarsi. 

E tu hai affrontato problemi di rabbia con i tuoi figli? Come li hai risolti?

5/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti
Imparare con la lettura
Imparare con la lettura
Scegli una lingua
Down arrow icon
Russia Global English Czech Republic Italy Portugal Brazil Romania Japan South Korea Spain Chile Argentina Slovakia Turkey Poland Israel Greece Malaysia Indonesia Hungary France Germany Global العربية Norway India India-en Netherlands Sweden Denmark Finland
Cookie icon
Utilizziamo i cookie per semplificare l'uzo del nostro sito. Visitando il sito, Lei accetta di salvare i cookie nel tuo browser.